Ultima modifica: 9 febbraio 2018

Criteri per lo svolgimento della prova orientativo – attitudinale per l’ammissione alle classi del corso ad indirizzo musicale, scuola secondaria di primo grado, a. s. 2018 2019.

Si pubblicano, per opportuna conoscenza degli interessati, i criteri deliberati in data 8 febbraio 2018 dalla Commissione costituita con Disposizione del Dirigente scolastico Prot. n. 496/C27, del 7 febbraio 2018.

 

 

 

 

 

 

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE
CREMONA UNO
SCUOLA DELL’INFANZIA, SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO CON INDIRIZZO MUSICALE

Via Gioconda, n. 1 – 26100 CREMONA (CR) – Tel: 0372 28228 
E-mail: CRIC82100Q@ISTRUZIONE.IT – PEC: CRIC82100Q@PEC.ISTRUZIONE.IT

 

 

 

 

Prot n. 520/C27                                                               Cremona, 9 febbraio 2018

 

 

 

 

 CRITERI PER LO SVOLGIMENTO DELLA PROVA ORIENTATIVO – ATTITUDINALE PER L’AMMISSIOME ALLE CLASSI DEL CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE
Deliberati dalla Commissione costituita con Disposizione del Dirigente scolastico
Prot. n. 496/C 27, del 7 febbraio 2018 

 

 

 

Art. 1

COMMISSIONE

 

Alle classi del corso ad indirizzo musicale si accede tramite prova orientativo – attitudinale, svolta davanti ad una commissione costituita dal Dirigente scolastico con docenti in servizio presso l’Istituto.
La commissione è composta dagli insegnanti di strumento, da un docente di musica e dal Dirigente Scolastico (o da un Suo delegato), che la presiede.
La funzione di segretario della commissione viene svolta da un assistente amministrativo o da un impiegato con profilo superiore.

 

 

 

Art. 2

PROVA ORIENTATIVO – ATTITUDINALE

 

 

 

La selezione viene effettuata tramite una prova orientativo – attitudinale predisposta dalla scuola, sulla base della normativa vigente.
Per sostenere la prova non è richiesta allo studente alcuna conoscenza musicale di base.
Le prove sono svolte per tutti i candidati con le stesse modalità e consistono in esercizi di difficoltà progressiva, idonei a verificare il senso ritmico, l’intonazione, la capacità di ascolto e la coordinazione psico-motoria sullo strumento.
La prova si compone come segue:

 

 

PROVE A ed E – accertamento del senso ritmico e della coordinazione

 

 

A. Il candidato, battendo le mani e imitando il docente della commissione che glieli propone, deve ripetere una successione di ritmi (binari e ternari per un totale di 10 sequenze).

E. Il candidato, battendo le mani sul banco e imitando il docente della commissione che glieli propone, deve ripetere una successione di ritmi (binari e ternari), per un totale di 10 sequenze, rispettandone l’alternanza tra mano destra e sinistra.

 

Ogni sequenza ritmica, in caso di difficoltà, può essere riproposta al candidato solo per una seconda volta.
Verranno assegnati 2 punti, per l’esecuzione corretta al primo tentativo, oppure, 1 punto, per l’esecuzione corretta al secondo tentativo.


Il punteggio totale massimo attribuibile a ciascuna prova è 20/20.

 

 

PROVE B – C e D – discriminazione delle altezze dei suoni e intonazione

 

 

B. e C. Un docente della commissione, suonando al pianoforte, propone, per un massimo di due volte, 7 coppie di suoni; il candidato deve individuare quale delle due note è la più acuta. Vengono inoltre proposti 3 frammenti di scale musicali; il candidato deve riconoscerne la direzione (ascendente o discendente).

Vengono assegnati 2 punti, per la risposta corretta al primo tentativo, oppure, 1 punto, per il secondo tentativo.

D. Un docente della commissione, suona al pianoforte (nella tonalità ritenuta più idonea) note singole (3), coppie di note (4) o brevi frammenti melodici (3) che il candidato deve ripetere intonando con la voce.

Vengono assegnati 2 punti, per l’esecuzione corretta al primo tentativo, oppure, 1 punto per l’esecuzione corretta al secondo tentativo.


Il punteggio totale massimo attribuibile a ciascuna prova è di 20/20.

 

Colloquio – questionario motivazionale, prova sullo strumento

 

Al fine di assegnare lo strumento ritenuto maggiormente confacente al candidato, la commissione valuta gli interessi, le preferenze musicali, i bisogni educativi/formativi del candidato, nonché la predisposizione fisico-psico-motoria naturale di ciascun candidato rispetto ad ogni strumento musicale presente nell’organico del corso ad indirizzo musicale.

 

 

Art. 3

DETERMINAZIONE DELLE GRADUATORIE DI STRUMENTO E LORO UTILIZZO

 

 

 

Per ogni strumento musicale presente nell’organico del corso ad indirizzo musicale, attualmente, chitarra, pianoforte, tromba e violino, viene stilata una graduatoria.

 

L’ordine di inserimento nelle diverse graduatorie è determinato dalla Commissione Esaminatrice tenendo conto dei seguenti parametri:

 

– punteggio ottenuto nella prova orientativo-attitudinale;

– posti disponibili per ogni classe di strumento (6 – 7);

– predisposizione fisica e capacità di coordinazione psico-motoria, in relazione agli strumenti segnalati dallo studente come preferiti;

– motivazioni all’impegno evidenziate dal candidato attraverso i questionari compilati dopo la prova.

 

Tutti i parametri concorrono all’assegnazione dello strumento musicale allo studente, in misura uguale.

 

Il giudizio orientativo-attitudinale sull’assegnazione dello strumento, espresso dalla commissione, è definitivo e insindacabile.

 

Considerato l’obbligo da parte dell’Istituzione Scolastica di costituire classi di strumento omogenee per numero e per fasce attitudinali, i candidati vengono informati nel corso dello svolgimento della prova che la preferenza per lo studio di uno strumento specifico, espressa in fase di iscrizione e riportata poi sui questionari dei test, non è considerata vincolante per la determinazione delle singole graduatorie di strumento.

É previsto un periodo di “prova” (il I quadrimestre dell’a. s. della classe prima), entro il quale il Consiglio di Classe ha la facoltà di valutare l’opportunità o meno di far proseguire la studentessa o lo studente nello studio dello strumento musicale assegnato, oppure, di modificarne l’assegnazione.

Tali decisioni saranno adottate sulla base di difficoltà evidenti manifestate dall’alunna o dall’alunno e riscontrate dai docenti nel corso dei primi mesi di studio dello strumento assegnato dalla Commissione sulla base dei risultati ottenuti dalla studentessa o dallo studente nelle prove orientativo – attitudinali.

 

Le graduatorie saranno utilizzate nei casi di rinuncia, trasferimenti o impedimenti vari che dovessero determinare posti disponibili nelle singole classi di strumento.

 

Art. 4

PUBBLICAZIONE DELLA GRADUATORIA 

 

Le graduatorie di strumento saranno pubblicate nel sito web dell’Istituto www.iccremonauno.it, nel rispetto della normativa vigente ed entro cinque giorni lavorativi dal termine dei lavori della commissione. 

 

 

 

Il Presidente della commissione
(Dottor Piergiorgio Poli)
*Piergiorgio Poli
*Firma autografa sostituita a mezzo stampa
ai sensi e per gli effetti dell’art 3, comma 2, del decreto legislativo n. 39/93 

 

 

 

PP/lc
Per informazioni: Assistente Amministrativo Liliana Capparelli
Tel. 0372 28228
Email: segreteriaalunni@iccremonauno.it 

 

 

 




Continuando ad utilizzare questo sito accetti l'uso dei cookie Maggiori informazion

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi